buzzoole code

lunedì 25 marzo 2013

Oggi ho l'immenso piacere di ospitare nel mio blog le  deliziose e profumate mele Kanzi®
La mela dal colore rosso acceso, dal caratteristico sapore agrodolce, cresce in frutteti appositamente selezionati, diffusi in tutta Europa. La mela Kanzi che trovate nei negozi a partire da ottobre viene coltivata solo su terreni vocati.
Irresistibilmente buona.


 forma e dimensioni splendide, il frutto si presenta uniforme e sodo dalla buccia lucida e dall’aroma perfetto.
Ecco la splendida torta realizzata con queste mele favolose:
Ingredienti (per una tortiera da 24 cm):
700 gr di mele
3 uova
70 gr di burro
300 gr di farina 00
250 gr di zucchero
1 bicchiere di latte
1 limone
1 bustina di lievito per dolci vani
gliato
Tempo di preparazione: 20 min
Tempo di cottura: 40 min
Tempo totale: 1 ora

Preparare la torta di mele

Sbucciare e affettare le mele e irroratele con il succo di un limone.
Nel frattempo montare gli albumi a neve e a parte sbattere i tuorli con lo zucchero.
Aggiungere alle uova  il burro ammorbidito e montare
Versare un bicchiere di latte  e mescolare fino a che l’impasto del dolce sia liscio e omogeneo.

Aggiungere ora la farina a pioggia con il lievito e la scorza grattugiata di limone
Incorporare ora gli albumi montati a neve Infine aggiungere le mele all’impasto.Incorporate le mele all’impasto quindi versare il composto della torta di mele  in una tortiera imburrata e infarinata.
Ricoprire la torta  con delle fettine di mela e un pò di burro .
Cuocere la torta  in forno preriscaldato per 40/50 minuti a 180°
Lasciar raffreddare la torta di mele prima di servirla.



Una Pasqua che Strega!!!

Nel menu pasquale i protagonisti veri sono i dolci, a partire dalla classica colomba e dal sempre amato uovo al cioccolato, passando per le ricette tradizionali regionali che ci riportano in tavola i sapori di una volta per finire con ricette nuove e fantasiose  comunque adatte per festeggiare la Pasqua..

Non a caso vi voglio presentare I dolci Strega che sono il frutto di oltre centocinquant’anni di passione, di professionalità dei Maestri dolciari e di accurate indagini di mercato. La sapiente lavorazione e la scelta delle migliori materie prime, rendono i prodotti Strega capolavori all’altezza della nostra tradizione. Alberti è specialista del Torrone, del Cioccolato e dei Prodotti da Forno

 CROCCANTINO AL CIOCCOLATO

Classiche barrette di croccante di nocciole tritate ricoperte di finissimo cioccolato fondente extra. Il prodotto, che tanto favore riscuote in tutto il mondo, si presenta oggi, anche, in una nuova e pregiata confezione metallica come elegante idea regalo. Qui lo vedete nella classica confezione, bianca firmata Strega Giuseppe Alberti, in cui ogni torroncino è confezionato singolarmente.


GOCCIOLONI STREGA

Specialità dolciaria unica ed esclusiva, i Goccioloni Strega sono cioccolatini ripieni diLiquore Strega che nella loro stessa forma rappresentano un perfetto connubio tra le specialità che hanno reso famosa l'azienda nel mondo: il famoso Liquore e il cioccolato fondente extra
Sono proposti in un’elegante e colorata confezione regalo.

 MAGIE ALLO STREGA
Le Magie allo Strega, specialità di casa Alberti rispecchiano tutta la passione e l’impegno dei nostri maestri artigiani, racchiudendo con finissimo cioccolato al latte un cremoso impasto di panna fresca, cioccolato e nocciole, aromatizzato allo Strega.
Il Prodotto, disponibile nella scatola da 400gr, nelle nuove buste da 150gr e da 250gr , è per i fedeli alla nostra tradizione, ma anche per chi desidera gustare il sapore del Liquore, senza rinunciare al dolce gusto del cioccolato
Non mi resta che augurarVi una felice Pasqua ;-) !!!

mercoledì 20 marzo 2013


PEMA: segale , acqua, sale e nient'altro !!!


L'azienda PEMA nacque per caso nel 1950, quando il pasticciere Heinrich Leupoldt decise di acquistare dei macchinari per la produzione di Lebkuchen (tipici dolci tedeschi di panpepato). Sfortunatamente però si accorse che quei macchinari non servivano per produrre dolci bensì un tipo di pane nero che in Boemia ha lo stesso nome dei dolci di panpepato. Decise comunque di iniziare a produrre pane (pur essendo un pasticciere).
Il nome "Pema" in tibetano significa "Fior di Loto" ed è utilizzato per indicare la purezza. Questo nome è lo specchio del suo progetto e tre sono infatti i principi-guida della sua attività: usare cereali provenienti da un'agricoltura pulita, scegliere lavorazioni semplicissime, capaci di esaltare il gusto e di mantenere intatte le proprietà nutrizionali dei cereali e usare tutto il tempo che serve. Queste, secondo Heinrich Leupoldt, sono le regole per fare un pane buono e che fa bene.
Per PEMA la freschezza del pane è un aspetto fondamentale. Il suo obiettivo è, da sempre, quello di portare a tavola un pane che si mantenga fresco per diversi giorni, ovviamente senza l'uso di additivi e conservanti.
PEMA offre diverse varianti di pane reperibili in Italia:
PEMA CLASSICO, il vero pane di segale della tradizione tedesca;
PEMA PLUS, le buone qualità della segale integrale incontrano il gusto e le caratteristiche di altri importanti cereali più l'energia dei semi oleosi;
PEMA PRATICO, un cestino che comprende ben 5 tipi di pane integrale.

Vi mostro quale prodotto mi è stato inviato :
Pane di Segale Integrale al 100% da 500 gr.

PEMA è un pane integrale fatto a regola d’arte, buono per la tavola di tutti i giorni, per un panino da mettere in borsa e mangiare in ufficio, per gli stuzzichini e le bruschette dell’aperitivo, per accompagnare le creme vegetali di un buffet freddo. 
Al mattino è insuperabile come prima colazione 
Al naturale o tostato brevemente, se lo si preferisce più croccante, è eccellente spalmato con burro, miele o marmellata. Quello ai semi di girasole è buono anche da solo, il suo sapore leggermente dolce si accompagna bene al latte, al tè e alle spremute di frutta.

Per uno spuntino, un panino, un secondo piatto
E’ ottimo con i salumi e i formaggi, soprattutto quelli a pasta molle. Con l’aggiunta di un velo di burro è squisito con le acciughe e con il salmone.
Per un buffet freddo o un brunch
Le creme vegetali e quelle a base di formaggio si sposano benissimo con PEMA e sono ideali per un buffet freddo o un brunch. Si mettono in tavola alcune ciotole di crema da spalmare a piacere su PEMA, al naturale e tostato.

martedì 19 marzo 2013

Bella Lodi : solo specialità casearia dell'azienda Lodigrana.




Lo stabilimento dove si produce Lodigrana Bella Lodi si trova  a Casaletto Ceredano (Cr) ed il latte utilizzato deriva solo da capi provenienti da stalle selezionate nel territorio lodigiano e cremasco, dove vengono alimentati con foraggio locale e materie prime di origine vegetale.

La lavorazione avviene attraverso una tradizione che si perpetua da anni; la forma, dalla caratteristica colorazione nera, viene ancora dipinta a mano con composti naturali.

Bella Lodi viene fatto senza conservanti ed allergeni aggiunti, solo latte, fermenti lattici, caglio e sale.

E' naturalmente privo di carboidrati, adatto agli intolleranti ed interamente prodotto nel rispetto del protocollo di Kyoto a basso impatto ambientale. 


Un prodotto made in Italy !!!


Come nella produzione Lodigrana segue regole e metodologie certificate, anche, in ogni fase del confezionamento e della conservazione dei prodotti, proprio per garantire e mantenere le proprietà nutrizionali e gustative di ogni singolo taglio o porzione.
La raspadura è una tradizione tipica lodigiana, raschiata a mano è un prodotto dai mille utilizzi: per piatti freddi, caldi, per snack, aperitivi etc.



L’articolo più duttile e originale tra la gamma
Bella Lodi. 130 giorni di conservazione
ma soprattutto grande appeal e comodità
per il consumatore.
Un sacchetto dal packaging assolutamente
innovativo per un formaggio:
confezione “apri e chiudi” per la conservazione
durante il periodo di consumo, ma anche
eleganza e praticità da portare direttamente
in tavola.




Ecco la ricetta realizzata con la Raspadura :
250 g circa di passatelli 
Raspadura  Bella Lodi 
Burro
Sale q.b.
Brodo vegetale

Cuocere nel brodo i passatelli.
2. A parte  far sciogliere un pò di burro 
3. Scolare i passatelli (senza buttare il brodo di cottura) e condirli con il burro e la Raspadura
aggiungere un po’ di brodo di cottura nel caso risultassero troppo asciutti 

domenica 17 marzo 2013

Trofie al Pesto e patate


Da anni la Compagnia del Pesto coniuga genuinità e tradizione con la produzione artigianale di prodotti di altissima qualità.
L'esperienza maturata negli ultimi anni ha messo a disposizione del grande pubblico uno dei prodotti più conosciuti e apprezzati della liguria: IL PESTO.
Fatto con macchine industriali, ma con sapienza artigianale, la ricetta di  nonna Graziella ha riscosso notevole successo fra i clienti.
Rigorosamente prodotto con materie prime di eccezionale qualità e fedele alla ricetta storica ligure, il nostro PESTO ha un sapore inconfondibile ed un profumo straordinario.
Per mantenere queste qualità  non vi è aggiunto alcun tipo di conservante, infatti il n PESTO deve essere messo in frigo e consumato entro 20 - 25 giorni.
Un prodotto di  alta genuinità e qualità.
Ecco alcuni prodotti COMPAGNIA DEL PESTO:
ecco cosa contiene il mio pacco 





i prodotti sono arrivati in perfetto stato e correttamente conservati ...
Vi presento la mia ricetta :
500GR DI TROFIE COMPAGNIA DEL PESTO GENOVESE
1 confezione DI PESTO COMPAGNIA DEL PESTO GENOVESE
Patate medie: 2 
Grana grattugiato: 3 cucchiaini
 Sale: q.b. 
Pepe: q.b.

Versare dell'acqua in una pentola, unire le patate lavate, sbucciate e tagliate a pezzetti spesse 1 cm e porre la pentola sul fuoco, aggiungere un po' di sale e far bollire. Quando bolle unire le trofie e salare quanto basta; quando le trofie risulteranno cotte scolarle e rimetterle nella pentola, aggiungere il pesto diluito in un po' di acqua tiepida (o acqua di cottura della pasta), un po' di pepe e mescolare il tutto. Spolverizzare con il Grana grattugiato e servire subito. Le vostre Trofie al pesto e patate sono pronte!


lunedì 11 marzo 2013

Il caffè, per esser buono, deve essere nero come la notte, dolce come l’amore e caldo come l’inferno”


Amo il caffè

Quell'aroma che mi rallegra l'atmosfera
sa di mattina presto, 
invade i sogni
li versa nella mia tazzina..
Soprattutto ho scelto un buon caffè : per me il migliore"Mian Cafè" , ero alla ricerca di un caffè che lasciasse il segno ed eccolo qui :
confezione da 25 cialde 



presso il 

Break Point "Mian Cafè"


Vendità di caffè al dettaglio e all'ingrosso

Vendita di:

1. Caffè a cialde
2. Grana
3. Macinato
4. Capsule
5. Aromatizzati
6. Sorbetti
7. Granite
8. Crema caffè liquida e iofilizzato
9. Topping
10. Ginseng
11. Orzo

Vendita, assistenza e comodato d'uso di macchine da caffè per uso bar e casa, Granitori, Erogatori bevande calde (come per es. ginseng, orzo, ecc), Erogatore cioccolata calda e tanti altri prodotti.

Degustazione di Caffè gratuita.
per qualsiasi info contattare:
Telefono338 288 3467
E-mailangelopiccolomiancafe@gmail.com

sono presenti anche su facebook :http://www.facebook.com/BreakPointMianCafe/info


sabato 9 marzo 2013

Salva Pane:Il sacchetto brevettato che respira!!!

Quanto è buono il pane appena sfornato! Già solo il profumo , è sinonimo di genuinità, di antichi sapori e di cose che fanno bene al nostro palato.
Purtroppo, non è sempre possibile essere ‘lì’ nei momenti strategici in cui i fornai sfornano i loro prodotti, la mattina e il pomeriggio. 
Ad ognuno il suo panino, ad ognuno la forma, il colore e le dimensioni preferite, ma l’importante è che sia sempre fresco. Se siete di quelli che nei forni e nelle panetterie escono di senno e non riescono ad impedirsi di comprare e comprare, incuranti della effettiva necessità, allora avrete il problema di conservare il pane. A meno di non mangiarlo tutto subito, quello che avanza non può assolutamente essere buttato, è un peccato anche solo pensarlo, per cui va trovato il modo di conservarlo nel modo migliore.
Naturalmente parliamo del giorno dopo, non di più. Quello conservato per più giorni può essere utilizzato per il pan grattato o per le polpette, ma non è buono da mangiare.per fortuna ho trovato il modo di conservarlo grazie a FRESCO PANE, un sacchetto speciale per la conservazione del pane, con sistema di traspirazione brevettato composto da doppio strato, realizzato in cotone 100%  e con uno strato interno polietilene per alimenti.Il prodotto è stato sperimentato e validato dal DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TERAMO.


Vediamolo insieme:

è un sacchetto abbastanza capiente , con laccetto regolabile , come potete notare.
E' lavabile in lavatrice a 40° e il pane si conserva dai 3-6 giorni. 
Visitate il sito  www.frescopane.it


A breve sarà acquistabile direttamente dal sito SENZA REGISTRAZIONE E SENZA ALCUNA SPESA DI SPEDIZIONE 

mercoledì 6 marzo 2013

LA BRUSCHETTA: UNA GRAN BELLA INVENZIONE!!!

Una fetta di pane abbrustolita da condire come piu’ ci piace. Ed anche un ottimo modo per smaltire il pane di ieri. Se poi avete appena acceso il barbecue non potete perdervi una bruschetta calda e croccante con quel gusto inconfondibile che solo la brace puo’ dare.



Preparazione
Lavate i pomodori e tagliateli a pezzetti. Conditeli con olio e sale . Lasciate insaporire.
Tagliate le fette di pane con spessore di circa mezzo centimetro.
Tostale sulla brace o in forno.
Condite con i pomodori e le olive denocciolate  e servite.
Un suggerimento  strofinate sul pane uno spicchio di aglio prima di condirlo con i pomodori: la bruschetta risulterà ancora piu’ saporita.

martedì 5 marzo 2013

COLLABORAZIONE CASCINA SANTO STEFANO

Cascina Santo Stefano ,immersa nei suoi 17 ettari,sulle colline delle Langhe,presenta i suoi vini ricchi di personalità e di profumi, ottimi da accostare agli antichi sapori della cucina tradizionale piemontese: dai sughi alle salse,dalle confetture ai biscotti. Fatevi guidare alla scoperta di antichi sapori per ritrovare il piacere di mettervi a tavola.
Vediamo insieme alcuni prodotti :
È un piatto a base di aglioolio extravergine d'oliva ed acciughe dissalate. Volendo si possono aggiungere agli ingredienti anche burropanna da cucina, latte e noci tritate. Per tradizione è un piatto tipico del periodo della vendemmia, quindi da consumare prevalentemente in autunno ed ininverno: una delle leggende sulla sua nascita vuole proprio che venisse preparato per togliere ai vendemmiatori il dolce odore, spesso quasi nauseante, dell'uva pigiata.
La bagna càuda si consuma intingendovi vari tipi di verdure di stagione (specialmente cardicipolle cotte al forno, peperoni crudi o cotti, foglie dicavolo crude, topinamburbarbabietolepatate cotte a vapore e tante altre).

Nella più tradizionale cucina piemontese gli antipasti sono il piatto che li contraddistingue:




Per accompagnare i peperoni non scodatevi di un buon bicchiere di vino, magari un Langhe Arneis

Una buona fetta di torta accompagnata da un buon Moscato 



per accompagnare i nostri pranzi e le nostre cene un buon bicchere di 
vino ;)

Buonissimo il ragù di salsiccia e funghi:
Per chi va sempre di fretta e poco tempo 
per mettersi ai fornelli è l'ideale!!!



una delizia per il palato ;) 






Se volete provare direttamente queste 
specialità non esitate a contattarli sulla


lunedì 4 marzo 2013

MAGIC COOKER





E' UN COPERCHIO CON DEI FORI CALIBRATI CHE PERMETTE
UNA CUCINA PIU' SEMPLICE RISPARMIANDO TEMPO E DENARO!!
SFRUTTA LA FORZA DEL VAPORE CHE SI GENERA CON LA COTTURA DEI CIBI. 
IL VAPORE SALE VERSO L'ALTO E SI INCANALA NEI FORI A CONO, 
PRENDE VELOCITA', SI CONVERTE NELLA CAMPANA DI RAFFREDDAMENTO
E SI CONVERTE IN PENTOLA AD UNA TEMPERATURA MINORE..

SI PUO' CUCINARE A VAPORE, FRIGGERE, LESSARE, GRIGLIARE!!!

L'UTILIZZO E' FACILISSIMO, SI USA COME UN NORMALISSIMO
COPERCHIO, INFATTI PER CUCINARE BASTA
APPOGGIARLO SULLE NOSTRE PENTOLE CHE ABBIAMO
IN CASA, METTERE GLI INGREDIENTI E DOSARE LA FIAMMA!!

PERCHE' USARE MAGIC COOKER?

- ELIMINA I CATTIVI ODORI
- MINOR TEMPO DI COTTURA 
(DI CONSEGUENZA MINOR CONSUMO DI ENERGIA)
- ESALTA IL SAPORE DEI CIBI

 CONSULTATE IL
Eccolo qui :




Il Magic Cooker , evita gli schizzi e quindi mantiene pulito il piano di cottura. Evita la fuoriuscita di liquidi e quindi il rischio di spengnimento della fiamma e le sue consueguenze. Sempre grazie alle basse temperature i cattivi odori di fritto vengono eliminati e per gli altri alimenti uscendo solo vapore distillato dai fori gli odori sono ridotti.
qui  troverete le video ricette su come utilizzare il magic cooker

ho preparato il sugo domenicale secondo la ricetta presente sul libretto
che mi è stato fornito insieme al coperchio. Un sugo leggero ,
senza grassi per un'alimentazione sana..









Acquistate il coperchio Magic Cooker andando sul loro  sito 
Magic Cooker è presente anche su Facebook!!!


venerdì 1 marzo 2013

MELAPIU': PER IL MASSIMO DEL PIACERE PRENDILA A MORSI!!!

MelaPiù non è una comune 'mela', ma nasce dal progetto dell'omonimo Consorzio che, dal 1994, per rilanciare la melicoltura di pianura, ha deciso di valorizzare una varietà particolarmente adatta al territorio e gradita ai consumatori: la mela Fuji.La  si riconosce perchè è dolce  e succosa, la polpa è bianca, fine e croccante al morso. La buccia è sottile e il suo colore è inconfondibile; essa si trova in vendita nei migliori negozi di frutta e verdura e nei migliori supermercati da ottobre a giugno , periodo in cui  mantiene inalterate le sue caratteristiche.

Ecco le mele inviate dal consorzio :




Con le mele ricevute ho preparato un delizioso strudel : ecco gli ingredienti:

5 cucchiai di Acqua 
olio250 g. Farina

1 uovo 

100 gr di burro - 

un pizzico di cannella

Buccia di limone

4 mele

2 cucchiai di pangrattato

50 gr di pinoli

4 cucchiai di rum

100 gr di uvetta

1 cucchiaio di zucchero
 in una ciotola verso la farina , l'uovo, il sale e l'olioe inizio a impastare aggiungendo a poco a poco l'acqua 
al fine di rendere l'impasto liscio ed elastico 


Si creerà una palla da ungere con l'olio e verrà avvolta nella pellicola trasparente 
e lasciata riposare per circa mezz'oretta.

in un recipiente metto le mele tagliate a fette sottili e l'uva sultanina 
a bagno nel rum per circa mezz'ora .
Nel frattempo in un padellino faccio rosalare il pangrattato con il burro .
Versate il tutto in un contenitore abbastanza grande ed aggiungete l’uvetta strizzata. Unite quindi la cannella, lo zucchero , oltre alla buccia di limone grattugiata. Lasciate riposare per un po’, mentre accendete il forno a 200°. Prendete la pasta e tagliatela in due parti uguali, per poi stenderla per lungo ( rettangolo). Aiutatevi con un matterello, fin quando la sfoglia non diventi sottilissima.

Spennellare la sfoglia di pasta strudel con burro e pangrattato poi stendete lo strato di mele e uvetta lasciando liberi i bordi.
Infine ricoprite con il misto di zucchero, cannella e scorza di limone.


arrotolate il tutto sulla parte più lunga. Sigillatelo sui lati. Mettete il preparato su una teglia ben imburrata (in alternativa potete usare della comoda carta da forno) e fate cuocere per circa 40 minuti.

Una volta pronto   spolverizzatelo con lo zucchero a velo.